L’abito da sposa semplice: lo stile di Melania Fumiko

L’abito da sposa semplice: lo stile di Melania Fumiko

Stai cercando un abito da sposa semplice? Puoi trovarlo nell’atelier di Melania Fumiko, a Milano, in via Chiossetto 10. La fashion designer, che della semplicità ha fatto il suo inconfondibile stile, fonda la propria maison nel 2015 e proprio nel suo laboratorio realizza abiti da sposa su misura. Ho incontrato Melania a Milano e in questo articolo ti racconto il suo stile, il servizio esclusivo che offre in atelier e tutte le novità della sua ultima collezione.

Lo stile di Melania Fumiko: l’abito da sposa semplice e di sostanza

Tenace e coraggiosa, Melania Fumiko va contro corrente e propone abiti da sposa semplici, che nonostante le linee pulite e classiche, risultano tutt’altro che tradizionali. I suoi sono abiti essenziali e di sostanza.

“Fare un abito dalle linee pulite è difficile. Se ad esempio realizzo una sirena e la ricopro di pizzo, ho una possibilità in più di confondere gli errori. Un abito essenziale invece è un abito che deve essere perfetto così com’è. Quando dico essenziale intendo un abito senza lustrini che acchiappano l’attenzione e distolgono lo sguardo da eventuali imprecisioni. Per questo un abito semplice è un abito di sostanza, perchè è perfetto nella sua essenzialità.”

In atelier troverai abiti morbidi, leggeri, caratterizzati da una sensualità sussurrata; capaci di distinguersi per il loro stile metropolitano. Si addice alle spose che ricercano uno stile classico e mai scontato.

Il servizio esclusivo in atelier

Durante il primo incontro vivrai un vero e proprio servizio di consulenza. Melania Fumiko ti spiegherà differenze e dettagli tra i vari tessuti, le loro performance e come scegliere il modello giusto in base al tuo fisico e al tipo di matrimonio. Possiamo suddividere l’incontro in tre fasi:

  • Fase 1 – Colloquio di conoscenza: al fine di consigliarti lo stile migliore la stilista raccoglierà informazioni sul tipo di cerimonia e di location. Ad esempio, per un matrimonio celebrato in ambienti sfarzosi, l’abito in Duchesse è ideale, mentre per matrimoni festeggiati in un contesto agreste come la collina, si addicono abiti fluidi e cascanti, per esempio in Chiffon.
  • Fase 2 – Prova degli abiti: al fine di realizzare l’abito perfetto potrai provare i modelli della collezione in esposizione. Questo ti permetterà di capire il tipo di linea che meglio si addice alla tua fisicità capendo che cosa ti piace o non ti piace.
  • Fase 3 – Proposta creativa: in base a tutte queste informazioni la stilista ti proporrà la sua personale proposta creativa corredata da tre bozzetti differenti. Durante l’appuntamento successivo avrai modo di visionarli e scegliere quello che verrà sviluppato per realizzare il tuo abito esclusivo.

Troverai principalmente abiti in: Cady, Duchesse, Georgette, Chiffon e Crȇpe de chine. L’effetto di questi tessuti è molto leggero e delicato. Un tratto distintivo della stilista riguarda l’acquisto delle stoffe: alla quantità predilige la varietà proprio per garantire la massima differenziazione.

La collezione sposa 2020

La collezione 2020 è formata da 7 capi ed ognuno nasce da suggestioni di viaggi lontani che la stilista ha rielaborato personalmente. Ogni modello è caratterizzato da tessuti pregiati, ricami e incrostazioni a mano, e prende il nome della città a cui la stilista si è ispirata. Vediamoli nel dettaglio.

  • Modello Tokyo: è rappresentato da un abito essenziale in Duchesse, organza e tulle impreziosito da un ricamo in lurex argenteo delicato. L’abito è completato da un giacchino in tulle o organza.
  • Modello Siviglia: il modello si compone di due pezzi: l’abito, costituito da una gonna luminosa in cady, e un soprabito in pizzo francese floreale che richiama i ricordi della città spagnola.

  • Modello Copenhagen: rappresentato da un abito a sirena, in doppio Crepe. Semplice ed elegante richiama la celebre scultura danese insieme al motivo ondulato delle paillettes che ricordano le onde del mare.
  • Modello Praga: l’abito in ricordo di questa metropoli è caratterizzato da un micro bustier coperto da due strati drappeggiati di tulle color argilla. Il punto vita è arricchito da un delicato ricamo realizzato a mano in pizzo rebrodè. Tutto è costituito da differenti strati color cipria contrapposti al bianco delle perle e del pizzo.
  • Modello Mosca: il modello che porta il nome di questa città è formato da un drappeggio di chiffon di seta con manica lunga in trasparenza e un importante strascico. Il punto vita è adornato da un ricamo floreale tridimensionale con petali in chiffon e perline. 
  • Modello Parigi: il ricordo della capitale francese si fa forte e chiaro con la presenza di piume, perle e paillettes. Il corpetto in Duchesse con una sensuale scollatura verticale è abbinato a una gonna dal taglio lineare.
  • Modello Kyoto: questo è il modello icona della stilista. Si distingue per la sua purezza e il mix di tessuti lucidi e opachi come il satin e il crȇpe de chine di seta bianca. Il dettaglio che unisce l’abito alla città giapponese è rappresentato dalle piccolissime lanterne ricamate sul tulle à pois degradé.

E voi, care spose alla lettura, quale abito sceglierete? Raccontatemelo nei commenti a fondo pagina!

Al prossimo articolo!

Leave a Reply